Trekking Firenze: itinerari nel Monteferrato

Poco sopra Firenze, ci sono diversi percorsi di trekking molto belli: è l’Area naturale protetta a interesse locale del Monteferrato, appartenente al sistema collinare-montano che corona a nord la piana di Firenze-Prato-Pistoia.

 

La piazza del Borgo si apre con un balcone panoramico sulla pianura ed è chiusa in fondo dalla pieve di S. Giovanni, mentre l’antico castello domina le alture del colle.

 

(descrizione)

 

Attraversando la Porta Freccioni ci si addentra in un paesaggio agricolo formatosi tra il XV ed il XVI sec., per poi giungere al pian di Scalino. Proseguendo si raggiunge il monte Spicchio che, insieme al Poggio Becco, è la cima più alta della parte mediana del territorio di Montemurlo.

Arrivati al tabernacolo ci si dirige verso la fattoria di Javello, proprietà del Principe Borghese, che sorge in una posizione dominante a cavallo tra l’Agna ed il Bagnolo. Il percorso continua attraverso boschi di castagno, di carpino, di cerro in mezzo ai quali si possono scoprire le antiche piazze delle carbonaie.

Dalla località I Termini si attraversano i castagneti fino al passo della Collina e si prosegue fino a Cerreto. Il territorio presenta una notevole varietà floristico vegetazionale e geomineralogica; intorno al borgo ci sono aree agricole olivate e caratteristiche case padronali.

Il percorso continua verso la cima dello Spazzavento, da cui si gode un’ampia panoramica. Sulle pendici aride a substrato calcareo-argilloso, in prossimità della vetta del Monte Le Coste, sono localizzati prati steppici di un denso strato di piante erbacee tra cui il timo, il biancospino ed il prugnolo.

 

(descrizione)

 

Qui, in un bianco mausoleo di alberese a pianta rettangolare, è sepolto il poeta e scrittore Curzio Malaparte. Sul fondovalle del versante sud ovest si articola una parte del sistema di ville collinari della piana.

 

Sono i sentieri che interessano il complesso collinare del Monteferrato, costituito da tre cime a forma conica: il monte Piccioli (362 m), il monte Mezzano (398 m) e il poggio Ferrato (420 m).

 

(descrizione)

 

E’ una zona molto interessante dal punto di vista geologico, mineralogico e botanico, poiché in superficie emergono gabbri, serpentini, diaspri rossi. Le emergenze più numerose e interessanti sono ubicate sui terreni ofiolitici del Poggio Ferrato, la cui particolare struttura del substrato a serpentino ricco di metalli pesanti è stata il fattore mutante per numerose piante: si sono formati così gli endemismi floristici caratteristici di questa zona.

Si può inoltre riscontrare la presenza di numerose cave di serpentino oggi dimesse, dalle quali si estraeva il cosiddetto “Marmo verde”.

 

Lunghezza: 5 km

Dislivello: 420 m

Tempo di percorrenza:3 ore

Difficoltà: Facile

Punto di partenza: Montemurlo, Prato o Vaiano

Punto di arrivo: Monte Piccioli, Monte Mezzano o Poggio Ferrato.

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email

Continua il tuo viaggio

Siena

Siena è una delle città più affascinanti della Toscana: strade medievali, palazzi e piazze rendono

Terme di Petriolo

Le Terme di Petriolo conosciute anche come Bagni di Petriolo si trovano in Toscana e

Anghiari, cosa vedere

Passato alla storia per essere stato teatro dell’omonima battaglia che vide vincitrici le truppe fiorentine

Firenze – i mercati

Firenze, dalla frutta alla verdura, dalla carne al pesce; salumi e formaggi, pasticceria e abbigliamento,

San Gimignano

San Gimignano si trova nell’alta Val d’Elsa, tra gli itinerari delle splendide colline della Toscana

Firenze

Firenze è una delle mete più sognate e ricercate in Italia, con un patrimonio artistico

Toscana

Protagonista indiscussa del panorama turistico internazionale Situata nell’Italia centrale, la Toscana è una regione che