Palmanova, perfetta geometria di guerra

È il simbolo di ogni teoria architettonica che riguarda la guerra  Palmanova, in Friuli Venezia Giulia, è una cittadina che non è nata sotto l’ombra di un campanile (come succede per ogni borgo d’Italia. Palmanova, al contrario, è nata… sotto l’ombra di un cannone. Basta vederla dall’alto: con quella sua forma squadrata. Il perimetro di Palmanova è geometria pura. Una geometria che diventa guerra.

Fu Napoleone a far costruire torri e torrette a Palmanova per renderla città fortificata esemplare.

Attorno a Palmanova – che già era nata come manufatto militare – vennero scavati sotterranei, innalzate mura. Diventando così la città della guerra. Dove nemmeno alla Chiesa era permesso “alzar la testa” oltre le mura: nessun campanile infatti doveva superare lo skyline di Palmanova.

(la piazza di palmanova)

Una volta varcate le mura, il posto più bello della cittadina è senz’altro la piazza di Palmanova.

Una piazza enorme, quasi a occupare l’intera area della stessa Palmanova. Una piazza dalla geometria rigorosa: come l’intera cittadina. Di un rigore quasi eccessivo. Che secondo alcuni cela qualche imponderabile mistero.

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email

Continua il tuo viaggio

Piazza San Marco

Piazza San Marco è la sola piazza di Venezia. Anzi per essere esatti: Piazza San

Trieste

A chi arrivi dal mare, in ferrovia o per la strada che scende dall’Altopiano Carsico,

Friuli Venezia Giulia

La terra dei contrasti Si trova all’estremità Nord-Orientale dell’Italia, si affaccia sul Mar Adriatico e alle sue spalle è