L’ineguagliabile bellezza della natura de Le Isole di Tahiti raccontata attraverso quattro fiori e piante

Tiarè, vaniglia, albero del pane e frutta tropicale

Tahiti riserva molte sorprese e può essere esplorata in numerosi modi diversi: spiagge di sabbia scura a est, sabbie candide a ovest, immersioni, surf per principianti ed esperti, picchi montuosi e valli luccicanti, oltre ovviamente al colorato e storico mercato di Papeete. 

Se moana, ovvero l’oceano, è uno degli elementi che contribuisce in gran parte a determinare il fascino esotico de Le Isole di Tahiti, anche il rigoglioso entroterra verdeggiante, punteggiato di fiori colorati e piante tropicali, contraddistingue gli incantevoli scenari dei paesaggi polinesiani e scandisce il ritmo di vita delle isole: un fiore per dare il benvenuto, dolci frutti da gustare e profumi da ricordare.  

Tiarè. Questo bellissimo fiore tropicale bianco è per eccellenza il simbolo dell’accoglienza polinesiana: viene infatti utilizzato, insieme a foglie di palma intrecciate, per creare le meravigliose collane con cui viene dato il benvenuto (manava, in polinesiano) a chi arriva. Viene usato per adornare i capelli o indossato dietro l’orecchio sinistro per indicare una relazione sentimentale. Il fiore di Tiarè è inoltre uno degli ingredienti principali, insieme all’olio di cocco, per la preparazione del Monoï, pregiato unguento tradizionale dalle innumerevoli proprietà benefiche per pelle e capelli. 

Vaniglia. La dolcezza assume una connotazione particolarmente sublime ne Le Isole di Tahiti, dove viene prodotta una speciale ed esclusiva varietà di vaniglia dall’aroma incredibilmente ricco, floreale e fruttato, apprezzata (e desiderata) in tutto il mondo.

Albero del pane. Questa pianta dal nome quanto mai peculiare ed evocativo, detta uru in polinesiano, produce curiosi frutti di forma tondeggiante che, dopo la cottura nel tradizionale forno sottorraneo ahima’a, assumono un sapore molto simile a quello del pane appena sfornato. Il fusto dell’albero può raggiungere un’altezza davvero ragguardevole (fino ai 20 metri). 

Frutta fresca tropicale. Alcuni degli ananas più dolci al mondo crescono nel rigoglioso entroterra di Moorea, dove è possibile visitare anche una fabbrica di succhi. Il fertile terreno di Huahine permette di coltivare con facilità, oltre che la vaniglia, anche meloni, banane e angurie (di queste ultime, in Polinesia francese ne vengono prodotte 900 tonnellate all’anno). Da provare anche i lichti che crescono soprattutto sulle Isole Australi, dove beneficiano del clima più fresco. Non mancano poi le palme da cocco, su cui si pratica anche un curioso sport tradizionale, in cui viene dichiarato vincitore chi si arrampica più velocemente. 

 

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email